Dove inizia la fine del mare ?

 

Le Mostre

 

i laboratori

 
 

Un Festival attento all’ambiente

Mettiamo in pratica piccole azioni a tutela dell’ambiente che ci circonda, utilizzando
materiale biodegradabile o riciclabile e contenitori per la raccolta differenziata.

 

immagini di vita dal festival

 
 

Geografia

 
  • Geografie per leggere il mare

    La geografia grazie al suo sguardo “plurimo” ci può aiutare ad analizzare la complessità dei cambiamenti che stanno interessando le nostre società, anche attraverso l’analisi delle rappresentazioni simboliche e artistiche che danno conto della varietà dei modi di vivere e percepire la nostra relazione con lo spazio.

     
  •  
  • Cosa succede nel Karabakh?

    Abbiamo da poco concluso l’edizione 2020 del Festival dedicata al tema “confini, frontiere, limiti” e a poca distanza di tempo vediamo riesplodere il conflitto del Karabakh, nel Caucaso, amara e massima espressione di confine qui inteso come linea di divisione e limite militarizzato. Anche dopo la manifestazione di settembre, il sito del Festival vuole continuare a essere un luogo di scambio e approfondimento. Sulla base di queste intenzioni proponiamo oggi una pagina di approfondimento dedicata a questo ormai trentennale conflitto.

     
  •  
  • Un museo innovativo per ripensare il nostro rapporto con la geografia

    Giovanni Donadelli ci presenta il Museo di Geografia di Padova: partire dall’esperienza personale per riflettere sul proprio modo di esplorare il mondo e di fare geografia.

     
  •  
 
 
 
 

Vuoi restare aggiornato sulle novità del Festival delle Geografie ?

Holler Box